Anni SESSANTA

Come farne a meno? Quanto la musica italiana deve a questo periodo e ai suoi protagonisti? Evergreen con i quali non si può sbagliare!
01) Love me tender (Elvis Presley)
02) A whiter shade of pale (Procol Harum)
03) Are you lonesome tonight? (Elvis Presley)
04) Homburg (Procol Harum)
05) Medley Beatles: Yesterday, Get Back, Hey Jude, Eleanor Rigby, Sgt. Pepper, Let it be, Long & winding Road 06) Medley Adriano Celentano: Il ragazzo della Via Gluck, Una carezza in un pugno 07) Che sarà (Jose Feliciano) 08) Medley Fausto Leali: Deborah, Io camminerò, Malafemmena, A chi 09) Il cuore è uno zingaro (Franco Migliacci, Claudio Mattone) 10) L’immensità (Don Backy) 11) L’isola di Wight (Dik Dik)

12) Medley anni Sessanta 1: Luglio, La tramontana, Taxi, Le pietre 13) Medley anni Sessanta 2: Una lacrima sul viso, C’era un ragazzo, Una fetta di limone 14) Mi sono innamorato di te (Luigi Tenco) 15) Quando, quando, quando (Tony Renis, Alberto Testa) 16) Porta Romana (Giorgio Gaber) 17) Com’è bella la città (Giorgio Gaber) 18) Barbera e Champagne (Giorgio Gaber) 19) Trani a go go (Angiolini, Giorgio Gaber, Umberto Simonetta) 20) La ballata del Cerutti (Giorgio Gaber, Umberto Simonetta) 21) Pedro Pedreiro (Chico Barque de Hollanda) 22) Io ho in mente te (Equipe 84) 23) Un’ora sola ti vorrei (The Showman, cover di un brano del 1938 di Umberto Bertini) 24) Lisa dagli occhi blu (Mario Tessuto) 25) Soli si muore (Michele) 26) Stasera mi butto (Rocky Roberts) 27) Una bambolona che fa no no no  (I Quelli) 28) Bandiera gialla  (Gianni Pettinati) 29) Sognando California (Dik Dik) 30) Pugni chiusi (I Ribelli)